0 items
0
Gen 29 2016

Preparare i profumi in casa è molto rilassante e non richiede procedimenti difficili o strumenti particolari.

Per ottenere dei profumi liquidi basta aggiungere qualche goccia di olio essenziale o di fragranza cosmetica a una base di olio o di alcool alimentare.
Dopo aver mischiato il tutto si consiglia di lasciar riposare almeno una settimana per permettere agli ingredienti di amalgamarsi a dovere. I mix di oli essenziali tendono infatti a evolvere nel tempo e la profumazione iniziale non è quasi mai la stessa dopo qualche giorno di riposo.

Per preparare un profumo solido bisogna invece far fondere a bagno maria l’olio con un poco di cera d’api e aggiungere poi gli oli essenziali. Questo tipo di profumo è molto poetico, creativo e personale. Può essere infatti colato in scatoline preziose o ciondoli apribili da portare al collo. A differenza dei profumi liquidi, quelli solidi non lasciano la “scia” al nostro passaggio ma profumano delicatamente la nostra pelle facendosi notare solo a distanza ravvicinata.

All’inizio è consigliabile seguire ricette già pronte, ma con il tempo e un poco di pratica potrete sperimentare varianti personalizzate.

 

profumi-fai-da-te-mineraliberi

 

Profumare con gli oli essenziali: note di testa, di cuore e di fondo.
Gli oli essenziali si dividono in note di testa, di cuore e di fondo in base alla loro volatilità e persistenza.

Le note di testa sono le prime che ci accolgono quando annusiamo un profumo. Sono solitamente fresche e frizzanti, ma durano un’ora o poco più lasciando presto il posto alle altre note. Gli agrumi fanno solitamente parte di questa categoria.

Le note di cuore sono avvolgenti e si fanno sentire appieno dopo che quelle di testa si sono affievolite. Hanno una durata medio-lunga e caratterizzano il profumo. Gli oli essenziali floreali sono solitamente delle note di cuore.

Le note di fondo non vengono solitamente percepite nella loro interezza all’inizio e sono le ultime ad abbandonare la nostra pelle. Hanno spesso anche una funzione fissativa. Fanno parte di questa categoria le resine e i legni.

Quando componiamo un profumo è importante tenere in considerazione queste caratteristiche per ottenere un prodotto valido, persistente e completo evitando che sparisca poco dopo l’applicazione. L’ideale sarebbe utilizzare i 3 tre tipi di note, anche se è facile trovare dei profumi piacevoli o monotematici che non seguono questa regola.

La proporzione standard è 3 gocce di note di testa, 2 gocce di note di cuore e 1 goccia di note di base, ma non è sempre necessario seguirla alla lettera.

Per i cosmetici fatti in casa la quantità di oli essenziali da usare si aggira attorno all’1% (1 g o 30 gocce su 100 g di prodotto), ma per i profumi la dose canonica va dal 5 al 30% in base all’intensità che si vuole ottenere.
Non usate mai dosi così alte in creme o simili perché potrebbero irritare la pelle. I profumi vengono spalmati in piccolissima quantità nei punti strategici e possono quindi contenere una dose maggiore di oli essenziali.

 

olio essenziale di lavanda 2

 

Profumi a base alcolica
Per preparare un profumo a base alcolica basta versare 15-20 gocce di oli essenziali in 9,5 g di alcool alimentare. Per fissare la profumazione potete sostituire 0,5 g di alcool con 0,5 g di glicerina.
Fate poi riposare il tutto per almeno una settimana prima dell’utilizzo.
Molti usano della vodka liscia o allungano l’alcool con acqua per ottenere un prodotto più delicato. I profumieri botanici sconsigliano questa opzione perché si rischia che gli oli essenziali non si riescano ad amalgamare a dovere. Inoltre, la presenza di acqua rovina le note del profumo facendole deteriorare più velocemente.
Se l’idea di usare l’alcool non vi piace optate piuttosto per un profumo a base oleosa.

 

Profumi a base oleosa
Per un profumo a base oleosa mescolate 9,5 g di olio non termolabile e inodore con 15-20 gocce di oli essenziali.
Fate poi riposare almeno una settimana prima dell’utilizzo.
Scegliete un olio dall’odore neutro e preferibilmente non comedogeno. Se usate un olio vegetale dall’odore caratteristico rischiate di rovinare la profumazione. Potete aggiungere anche 2 o 3 gocce di tocoferolo per ritardare l’irrancidimento dell’olio.

 

Profumi solidi
Per ottenere un profumo solido fate fondere a bagnomaria 8,5 g di olio con 1 g di cera d’api.
Togliete dal bagnomaria e aspettate qualche minuto prima di aggiungere 15-20 gocce di oli essenziali, i quali non vanno versati quando il composto è ancora troppo caldo per evitare che si rovinino. Potete aggiungere anche 2 o 3 gocce di tocoferolo per ritardare l’irrancidimento dell’olio.
Colate poi il tutto in un piccolo contenitore da 10 ml e fate raffreddare.
La cera d’api può essere sostituita con le cere floreali per ottenere delle profumazioni speciali. La cera di rosa, per esempio, può essere abbinata a circa 5-6 gocce di oli essenziali agrumati o floreali. Ottima anche con pochissimo patchouli.

 

cera di rosa1

 

Sostituire gli oli essenziali con le fragranze cosmetiche già pronte
Gli oli essenziali vi permettono di ottenere dei profumi totalmente naturali, ma se volete usare una fragranza cosmetica già pronta controllate la dose massima sulla scheda prodotto e regolatevi di conseguenza. Si tratta di profumazioni molto intense e poche gocce bastano per ottenere l’effetto desiderato. Non superate mai il limite per evitare irritazioni anche gravi.
Se per esempio la scheda prodotto di una fragranza dice che non si deve superare l’1% del prodotto finito, questo significa che per un profumo a base alcolica dovete usare al massimo 0,1 g di fragranza su 9,9 g di alcool.
Assicuratevi inoltre che sia liposolubile o solubile in alcool a seconda della base che utilizzerete (alcool alimentare od olio). Anche gli aromi si prestano bene a questo scopo.

 

Packaging
Per il packaging dei profumi liquidi potete sbizzarrirvi con roll on e boccettine di vetro colorate.
I contenitori spray sono l’ideale per i profumi a base alcolica.
Per i profumi solidi potete sbizzarrirvi con piccole jar e stick.

 

Avvertenze
Non superate mai le dosi consigliate: gli oli essenziali e le fragranze possono irritare la pelle.
Molte persone sono allergiche ai profumi, per cui fate sempre una prova e diminuite le dosi se pensate di essere a rischio. In questo caso usate 8 – 10 gocce di oli essenziali in 9,6 grammi di olio di jojoba.


fragranza appple blossom

 

Combinazioni consigliate con gli oli essenziali presenti sul Mineraliberi

Questi mix vanno diluiti in 9,5 g di base (olio, alcool alimentare o olio + cera) seguendo i procedimenti indicati nei paragrafi precedenti. Alzate le dosi senza superare mai il 30% (meglio comunque aggirarsi sul 10-20% al massimo) per profumi più intensi e persistenti.
Ricordate che la profumazione finale si otterrà solo dopo almeno una settimana di riposo.

 

  • 4 gocce di geranio, 4 gocce di ylang ylang e 12 gocce di mandarino
  • 5 gocce di ylang ylang e 10 gocce di pompelmo rosa o di mandarino
  • 8 gocce di cannella, 3 gocce di arancia rossa e 3 gocce di rosmarino
  • 8 gocce di patchouli e 6 gocce di mandarino
  • 12 gocce di lavanda e 3 gocce di limone
  • 7 gocce di patchouli, 2 gocce di ylang ylang e 6 gocce di pompelmo rosa
  • 5 gocce di abete bianco e 10 di arancia rossa
  • 8 gocce di arancia rossa, 3 gocce di abete bianco, 2 gocce di menta, 2 gocce di eucalipto
  • 7 gocce di arancia rossa, 7 gocce di lavanda e 2 gocce di cannella
  • 6 gocce di cannella, 5 gocce di limone e 3 gocce di lemon grass

 

Spero che questa guida vi sia stata d’ispirazione. Il mondo dei profumi fai da te è molto vasto e le indicazioni di questo articolo servono a darvi un’infarinatura generale per poter iniziare.
Una volta che avete acquisito esperienza potete sperimentare combinazioni diverse e integrare i profumi con ingredienti speciali per aumentarne la durata e ottenere risultati particolari.

 

Liliana “Eden” Morosini

Liliana Eden Morosini

Liliana Eden Morosini

Liliana "Eden" Morosini realizza guide di cosmetica naturale e ricette fai da te con un pizzico di estro artistico utilizzando solo ingredienti ammessi nei cosmetici eco certificati.Per saperne di più.
Liliana Eden Morosini

Latest posts by Liliana Eden Morosini (see all)

[boutique_line type="bird"]

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 1 =

6 comments on “Profumi fai da te

  1. Finalmente sto iniziando ad usare i profumini fatti grazie a te, alle tue ricette e tutte le spiegazioni che ci dai. Ovviamente anche grazie a Mineraliberi che ci dà la possibilità di acquistare le materie prime da usare ^^

  2. Pingback:La cera di rosa | Mineraliberi

  3. Grazie a te XD non vedo l’ora di leggere nuovi post ^^

  4. Grazie Tatjana e Nadia, le vostre parole mi hanno fatto molto piacere!
    Il mondo dei profumi fai da te è vasto e meraviglioso. Ci si mette un po’ prima di riuscire a formulare degli abbinamenti soddisfacenti, ma a parte questo la preparazione dei profumi è molto semplice e non servono strumenti particolari. 🙂

  5. E’ sempre bello leggere i post dei vostri Alchemisti Moderni ^^ Eden fa delle cose bellissime ed è sempre molto precisa e dettagliata.
    Finito di leggere questo post mi è sembrato di poter fare i profumi in un attimo, come se avessi imparato subito tutto eheheh ma so bene che non è così. Ci va pratica e tanta esperienza, soprattutto d’olfatto, ma seguendo i suoi consigli, così come le sue ricette, son sicura che imparerò a fare delle belle cosine ^^
    Grazie ancora per tutto l’impegno che metti e per renderci partecipi del tuo sapere <3

  6. Tatjana on said:

    Liliana tu come sempre sei una donna unicale,brava d molto solare. Grazie a te.